Upcycling: la circolarità fa tendenza

Upcycling: la circolarità fa tendenza

Moda sostenibile: l’upcycling al servizio della creatività

Alla moda non basta riciclare: la nuova frontiera è l’upcycling. Se obiettivo del riciclo è recuperare la materia e darle una seconda vita, l’upcycling punta a riprogettare il vecchio abito trasformandolo e valorizzandolo. Vecchie giacche recuperate e impreziosite da ricami personalizzati, accessori, borse, pantaloni trasformati grazie a una buona dose di creatività. Il risultato sono capi unici ridisegnati e di valore superiore rispetto a quello originario.

L’upcycling riduce la produzione di rifiuti tessili

L’upcycling è un’opportunità per ridurre la produzione di rifiuti tessili, ormai fuori controllo sotto la spinta del fast fashion. Oggi infatti si producono oltre 100 miliardi di capi di abbigliamento all’anno, il doppio rispetto a 20 anni fa. Rapidamente sostituiti da nuovi abiti, quelli scartati non sono facilmente riciclabili soprattutto per la difficoltà nella separazione delle diverse fibre che formano i tessuti. Risultato: solo circa l’1% dei rifiuti tessili viene effettivamente riciclato in nuovi prodotti.

Sono già molti i brand della moda che recuperano il vecchio e lo ripensano in nuove forme, con originalità. Tra i primi, lo storico brand outdoor The North Face da alcuni anni propone laboratori di circolarità dove imparare a trasformare i vecchi indumenti in nuovi modelli.

LEGGI ANCHE  Il riciclo in Italia: i dati del rapporto 2023

Ideato da una giovane imprenditrice, Diletta Pollice, Appcycled è il primo marketplace italiano di moda upcycled. Vi si trovano le proposte di designer particolarmente creativi nell’abbigliamento ma anche negli accessori: riescono a dar vita a qualcosa di unico e inimitabile a partire da capi di qualità giunti a fine vita.

Pezzi unici a basso impatto

“Il riciclo include la produzione industriale, mentre un capo rielaborato grazie all’upcycling richiede meno acqua, meno energia e materie prime per la produzione”, ha affermato in una recente intervista Diletta Pollice. “Un’altra differenza tra riciclo e upcycling consiste nel fatto che gli articoli upcycled non possono essere realizzati in serie, i materiali di scarto a disposizione sono spesso limitati o diversi tra loro e consentono di creare pochi prodotti, se non prodotti unici.”

Tra le ultime iniziative nell’upcycling il progetto Miu Miu Upcycled, una nuova collezione in edizione limitata incentrata sul denim e sulle borse patch. Il progetto del brand diretto da Miuccia Prada parte da jeans prodotti prima del 2000, selezionati da specialisti del denim per il colore, il peso e le qualità della scoloritura ai quali viene regalata una seconda vita. Di lusso.

LEGGI ANCHE  Rifiuti tessili: nasce Erion Textiles

Foto di Anna Sullivan su Unsplash