L’Ecodesign fa bene anche al portafoglio

A guadagnare dall’ecodesign non solo l’ambiente ma anche i consumatori. Ecco i risultati di una ricerca dell’Eeb

Bollitori e microonde, T-shirt e cemento, scrivanie e sedie potrebbero far risparmiare 117 milioni di tonnellate di CO2 ogni anno se venissero prodotti secondo principi di ecodesign. Dalla progettazione ecosostenibile i vantaggi non sarebbero solo per l’ambiente ma sarebbero anche economici per i consumatori.

La stima viene dalla ricerca “New EU eco-design proposals: Case studies to illustrate their potential impact” condotta dallUfficio europeo dell’ambiente (EEB) e da Cambridge Econometrics che hanno esaminato quali sarebbero gli effetti in 4  specifici prodotti e settori produttivi:  tessile (magliette), elettrodomestici da cucina (microonde e bollitori), materiali da costruzione (cemento) e mobili (scrivanie e sedie).     

Gli effetti positivi stimati nello studio sono legati alla maggiore efficienza energetica di prodotto e di processo, al rispetto dei requisiti minimi  per la progettazione ecosostenibile (durata, riparabilità e riciclabilità) e alla riduzione della sovrapproduzione. 

Bollitori e microonde

Ogni anno sul mercato europeo si vendono 26 milioni di bollitori elettrici e 18 milioni di forni a microonde.  I soli bollitori nel corso del loro ciclo di vita emettono 400 chili di C02 connessa soprattutto al consumo di energia elettrica per utilizzo. Lo studio dell’Eeb ha stimato che per i bollitori l’applicazione di principi di ecodesign farebbe risparmiare 3,5 milioni di tonnellate di CO2 ogni anno (1 milione di tonnellate per i microonde).  Dal punto di vista del consumatore l’impiego di prodotti ad alta efficienza consentirebbe risparmi pari a 2,5 miliardi di euro per i minori consumi elettrici e di acqua. Inoltre la maggiore riparabilità di questi piccoli elettrodomestici eviterebbe le troppo frequenti sostituzioni.  Lo studio Eeb ha stimato che per i bollitori un anno in più equivale al risparmio di 200 milioni di euro ed evita l’emissione di 390.000 tonnellate di CO2.

LEGGI ANCHE  L'UE prosegue il suo percorso verso l'economia circolare
T-Shirt

Produrre magliette più ecologiche – affermano i ricercatori Eeb – permetterebbe di tagliare 3 milioni di tonnellate di emissioni di CO2 (oggi sono 22 milioni). Ogni anno in Europa si vendono 3,3 miliardi di t-shirt per la gran parte prodotte altrove. Secondo lo studio Eeb l’obiettivo di riduzione delle emissioni sarebbe raggiungibile utilizzando cotone riciclato per la metà delle magliette e impiegando energia da fonti rinnovabili in metà degli impianti.

L’incremento di durabilità del prodotto (10% in metà delle t-shirt prodotte) eviterebbe un milione di tonnellate di emissioni di CO2. 

Cemento

La progettazione ecosostenibile avrebbe effetti positivi anche nella produzione del cemento. La produzione di cemento complessivamente è un processo altamente energivoro, responsabile del 7% delle emissioni annuali di gas serra (il 3% nella Ue: 117 milioni di tonnellate, pari alle emissioni del Belgio). Due le misure indicate dall’Ufficio europeo dell’ambiente per efficientare il processo e ridurre il carico emissivo. La prima riguarda la sostituzione dei forni a umido con nuovi forni a secco. La seconda prevede la sostituzione del 50% dei combustibili fossili attualmente utilizzati nella produzione di clinker con combustibili più ecologici. Questo produrrebbe un taglio delle emissioni rispettivamente di 1,7 milioni e 7 milioni di tonnellate di CO2. 

LEGGI ANCHE  L'Oscar dell'ecodesign
Arredamento

Nel caso degli arredi, infine, i ricercatori suggeriscono di concentrare gli sforzi nell’evitare la sovrapproduzione. Ogni anno in Europa si realizzano 12 milioni di sedie e 6 milioni di scrivanie producendo 2,1 milioni di tonnellate di CO2. Peccato che circa 70 mila scrivanie e 130 mila sedie rimangano invendute. Evitando di produrle si risparmierebbe il 10% delle emissioni, un ulteriore taglio si avrebbe dall’incremento della loro durabilità e dall’impiego di materiali riciclati. 

Foto di Edward Howell su Unsplash