scarti alimentari

Scarti alimentari: 143 miliardi di euro da recuperare

In Europa 88 milioni di tonnellate di vegetali tra frutta e verdura finiscono ogni anno nella pattumiera, come dire 143 miliardi di euro buttati via.

Secondo i dati evidenziati da un recente studio, in Europa si spreca circa il 29% (35,3 kg per persona) della frutta e della verdura acquistata. Una parte di questi scarti alimentari è in un certo modo inevitabile (circa 21 chili a persona) in quanto costituita dalle parti non commestibili di frutta e verdura come le bucce di arance, patate, banane, piselli, carote, semi, un’altra parte – poco più di 14 chilogrammi a persona – si potrebbe invece evitare in quanto associata soprattutto alla deperibilità dei prodotti e alle date di scadenza. Una via per ridurre gli sprechi di cibo è lavorare sull’educazione alimentare, sulle abitudini di consumo e accrescere la consapevolezza sul valore etico del cibo. Un’altra possibilità è costituita dal riciclo/valorizzazione degli scarti.

Rivestimenti per alimenti prodotti a partire da scarti alimentari

Proprio su questo sta lavorando il gruppo di ricerca coordinato della professoressa Annamaria Ranieri del Dipartimento di Scienze agrarie, alimentari e agro-ambientali dell’Università di Pisa. Usare gli scarti di funghi e crostacei utilizzando la chitina (uno dei principali componenti dell’esoscheletro dei crostacei, degli insetti e di altri artropodi) per ricavarne rivestimenti edibili. Queste pellicole però non si limitano a diminuire la contaminazione batterica dei prodotti. I ricercatori le hanno pensate anche per essere  commestibili ed essere rimosse da un semplice lavaggio con acqua. Un’altra importante funzione dei rivestimenti edibili è la loro capacità di ritardare la maturazione della frutta permettendo quindi una maggiore conservabilità e al tempo stesso mantenendone inalterate le caratteristiche nutrizionali.

LEGGI ANCHE  RAEE, chi li conosce, li differenzia (meglio)

Nella stessa direzione sta andando la ricerca del Georgia Institute of Technology in Usa. Infatti, proprio dagli scarti di frutta, verdura e crostacei ha ottenuto un polimero con cui ricavare una pellicola per alimenti. Anche in questo caso la pellicola permette di conservare più a lungo gli alimenti. La sua resistenza alla penetrazione dell’ossigeno superiore fino al 67% rispetto a quella delle comuni pellicole plastiche ricavate dal petrolio. Il nuovo polimero è stato ricavato assemblando le nanofibre della chitina, con i nanocristalli della cellulosa ricavata dagli scarti dei vegetali. Ottenendo così un materiale molto resistente ai gas grazie alla sua struttura cristallina, molto più regolare e compatta rispetto a quella del PET.

Con un duplice vantaggio: riciclo di parte dei scarti alimentari inevitabili di frutta e verdura e riduzione degli sprechi legati alla cattiva conservazione degli alimenti.

Per approfondire il tema economia circolare e plastica leggi gli altri articoli dedicati.